Ammore e Malavita di Marco e Antonio Manetti (2017) – Recensione

Stra-premiato ai David di Donatello, il nuovo film dei Manetti Bros. colpisce nel segno con un fuoco incrociato di ironia, citazioni e racconto metropolitano. Noi Intoccabili ce lo siamo goduti, un po’ in ritardo, al Cinemino.

MV5BMGU2YzNiMTQtNmZhYi00ZDYxLTllYzQtM2MwMDZhZjgwZWFlXkEyXkFqcGdeQXVyMDc2NTEzMw@@._V1_SY1000_SX1500_AL_
I Manetti Bros. sul set del film
MV5BZmE4OGM4OTQtYWRmMC00N2RiLWFkNDYtN2VhMjk3NjY3Mzg2XkEyXkFqcGdeQXVyMjQ3NzUxOTM@._V1_SY1000_CR0,0,700,1000_AL_
La locandina del film

C’era una volta Napoli, città degli omicidi arbitrari a sangue freddo, dove il potente camorrista Don Vincenzo Strozzalone controlla l’intero traffico di pesce del porto aiutato dalla sua banda di scagnozzi e dalle due guardie del corpo personali, dette “le tigri”. Stanco di subire continuamente attentati alla propria vita per mano degli invidiosi rivali, la moglie, ex-serva arrivista, escogita un piano per lasciare tutto e fuggire all’estero: si fingerà la morte di Vincenzo, ponendo nella ‘sua’ bara un malcapitato sosia.

MV5BZjk4NzU2YjQtMjg4YS00MjMyLWJhYjAtMDQyNzIxZDFkOTc0XkEyXkFqcGdeQXVyMDc2NTEzMw@@._V1_SY1000_SX1500_AL_
Claudia Gerini nei panni di Donna Maria Strozzalone

Tutto sembra funzionare a meraviglia; senonché, all’ospedale dove è in cura dopo l’ultima sparatoria a cui è sopravvissuto, il boss viene visto, vivo e vegeto, da un’infermiera. Vengono subito dati ordini alle tigri perché la tolgano di mezzo. Ma Ciro, uno dei sicari, scopre che la ragazza è Fatima, suo amore d’adolescenza, e non riesce a ucciderla, di fatto tradendo la fiducia che il capo aveva riposto in lui. Inizia così una lotta senza quartiere per ritrovare la coppia fuggitiva che arriverà perfino oltreoceano, negli Stati Uniti d’America.

MV5BZGExM2QwN2ItYjY1MC00MWI2LTkzOWQtZjFhMTA5ZTQwNThlXkEyXkFqcGdeQXVyMDc2NTEzMw@@._V1_SY1000_SX1500_AL_
Serena Rossi (Fatima) e Giampaolo Morelli (Ciro Langella)

Ci ho messo un po’, dopo aver visto il film, per iniziare a scrivere il pezzo. Mi sentivo inondata da una quantità di materiale, di idee, di contenuti impossibile da condensare nello spazio di una pagina di blog. È un pastiche in piena regola, che non per questo rinuncia ad avere una sua identità e ad essere radicato in una dimensione di territorialità italiana variamente conosciuta da tutti noi.

MV5BYTc4MDhjNDMtNzI2ZS00ZjU5LWFmZjUtYzBkMzQyNWFhNGNhXkEyXkFqcGdeQXVyMDc2NTEzMw@@._V1_SY1000_SX1500_AL_

Ci si trova così di fronte a un musical in piena regola, dove le canzoni sono in napoletano ma si nascondono diamanti dentro il modellino di una DeLorean [leggi: deloriánn] perché forse l’Aston Martin di James Bond era meno adatta; dove gli eroi e la vicenda sono sputati sputati sugli sguardi truci e le femmine sinuose del noir; dove le donne salvano i loro uomini con strategie copiate punto per punto dalle trame di altri film (di fatto, la storia giunge allo scioglimento per passaggi di meta-cinema); e il buon vecchio Willie Shakespeare non avrebbe avuto difficoltà a rintracciarvi alcuni dei motivi di fondo del suo Romeo e Giulietta (c’è una citazione letterale del testo inglese: “What’s in a name?”; e la ‘storia d’amore’ al maschile tra Ciro e Rosario – l’altra “tigre” -non può che ricordare quella tra Romeo e Mercuzio).

MV5BNjkxYWU5YTgtOTlhYy00MmViLWJhZjQtNjZmM2VjMWRmZWJiXkEyXkFqcGdeQXVyMDc2NTEzMw@@._V1_SY1000_SX1500_AL_
Raiz nei panni di Rosario

Il tutto condito dal migliore tocco di italianità. Ne risulta una pellicola avvincente, scandita dall’alternarsi serrato di sparatorie e colonna sonora, che riesce sia a divertire che a far vibrare le corde profonde dello spettatore.

maxresdefault

Un film, in sostanza, che sono contenta di aver visto. Soprattutto perché è solo ora che ho fatto conoscenza con i Manetti Bros. E avendo scoperto, uscendo dalla mia grande ignoranza, che Ammore è stato preceduto da Song ‘e Napule, circa circorum sulla stessa sua linea, ho avuto un’illuminazione. Ho urlato: Uè, Liberato, e spostati!

Abbinamento culinario consigliato: Mentre guardavo questo film avevo davvero tanta voglia dei popcorn alla pizza che ho visto fuori dalla sala. Vi direi di aggiungere origano, cheddar e qualche pomodoro fatto andare con olio e cipolla alla ricetta base.

Articolo sui David di Donatello 2018: https://intoccabiliblog.com/2018/03/22/tutti-i-vincitori-dei-david-di-donatello-2018/
Che cos’è il CineminoVi parlo de Il Cinemino
Ammore e Malavita è stato premiato ai David 2018 per:

  • Miglior film
  • Migliore attrice non protagonista (Claudia Gerini)
  • Miglior costumista (Daniela Salernitano)
  • Miglior musicista (Pivio e Aldo De Scalzi)
  • Miglior canzone originale (Bang Bang)

Enjoy!
Follow us:

_CP_

Annunci