Westworld 2×06 – Analisi e Teorie

Recensione dell’episodio 2×06 di Westworld, lo show targato HBO ideato da Jonathan Nolan e Lisa Joy, la cui trama ruota attorno a un parco a tema west per ricchi, abitato da robot che si comportano come esseri umani.
Nel cast: Evan Rachel Wood, Thandie Newton e Jeffrey Wright.

Westworld torna all’attacco con un nuovo episodio dopo la criticata quinta puntata, colpevole di aver allungato il brodo per riempire un episodio altrimenti anonimo a discapito di una narrazione efficace.
Ma questa puntata è un piccolo capolavoro e, a parer mio, il miglior episodio della stagione per ora.
Per analizzare come si deve ciò che accade negli ultimi 60 minuti dello show creato da Jonathan Nolan e Lisa Joy, devo per forza di cosa andare per compartimenti stagni per evitare di fare confusione.
Iniziamo!

NOTA BENE: TUTTO CIO’ CHE TROVERETE SCRITTO QUI E’ FRUTTO DI MIE DEDUZIONI.
NON SONO TEORIE DI REDDIT E NEMMENO INFORMAZIONI CERTE, SI TRATTA SOLO DI TEORIE PERSONALI. QUINDI PRENDETELE COME TALI.

spoileralert

IN APERTURA

Quella che sembra una delle solite chiacchierate tra Arnold e la sua attrazione preferita, si dimostra essere ben altro. Dolores, infatti, sta testando la fedeltà di una copia di Arnold per ottenerne una il più fedele possibile all’originale.
Pur allettandomi l’idea di star guardano un flash forward, credo proprio di dover collocare questa vicenda in un passato remoto nel quale Ford, venuto a conoscenza degli esperimenti di William per tenere in vita il signor Delos, ha cercato di ricreare una copia di Arnold, ovviamente non riuscendoci, e dando vita così a Bernard. Dolores era dunque solo uno strumento nelle mani di Robert Ford per testare l’accuratezza della sua creazione.

westworld 2x06 recensione

DOLORES E TEDDY

Dolores ha fatto la cazzata e ci sono voluti solo trenta minuti di puntata per farglielo capire. Teddy, pur restando fedele alla causa della sua compagna, è diventato ormai uno spietato pistolero dal carattere insensibile e insopportabile. Sono sicuro che questa cosa gli si ritorcerà contro e lo porterà a morire in mezzo al lago come abbiamo visto.
Saltati sul treno diretto a La Mesa, sganciano la locomotiva e si infilano nel quartier generale del parco. Sono sempre più convinto che la missione di Dolores si risolverà in un gran fallimento.

westworld 2x06 recensione

MIB E GRACE/EMILY

Ma questa donna come si chiama? In ogni caso, dopo i primi dubbi che William manifesta sulla effettiva “originalità” di sua figlia, assistiamo a una scena strappalacrime che riesce perfino a smuovere qualcosa nell’animo di un personaggio duro e irremovibile come quello di MiB. Sua figlia è lì per portarlo via dal parco, non vuole che faccia la stessa fine della madre, ma soprattutto è lì per scusarsi di tutte le accuse che gli ha riservato nel corso degli anni, specie quelle che riguardavano un possibile coinvolgimento dell’Uomo in Nero nel suicidio della moglie. Se sono scuse sincere ce lo dirà solo il tempo, ma non è da escludere che Grace sia lì su ordine di qualcuno e stia recitando una parte. Chi ha detto Zio Logan?
Ma l’ossessione di William per il parco riesce perfino a prendere il sopravvento su emozioni di questo tipo e lo porta ad abbandonare la figlia al bivacco.
Poco dopo MiB e Lawrence vengono attaccati dalla Nazione Fantasma.

westworld 2x06 recensione

LA DELOS

Tutto ciò che abbiamo il piacere di aver visto e che riguarda i vari Stubbs, Hale, Abernathy e i soldati della Delos, è collocabile nella timeline appena successiva all’attacco al fortino di Dolores. Difatti, arrivano i primi soccorsi da parte della Delos dopo la conferma di Charlotte di aver finalmente recuperato Abernathy, e facciamo la conoscenza di Coughlin, un gradasso colonnello – o qualcosa del genere – la cui unica preoccupazione è portar via i dati richiesti dal parco. La brutta fine di questo ultimo è già annunciata e ciò spiegherebbe la successiva scelta di porre Karl Strand al comando dell’operazione, un uomo ben più pacato e intelligente di Coughlin.
Una volta riusciti a riattivare la mappa, i soldati vedono uno strano puntino muoversi a tutta velocità verso di loro …

07

MAEVE

La facilità con cui la storyline della matrona di Sweetwater passa dall’essere completamente inutile a diventare una delle più avvincenti della puntata è disarmante. Pur amando alla follia Kurosawa e i suoi samurai, ShogunWorld non è riuscito a soddisfare le mie aspettative. L’inutilità di quel parco si palesa allo spettatore quando sia Akane che Musashi decidono di non seguire Maeve a Westworld. ShogunWorld è stata solo una parentesi, un riempitivo, anche se la scelta dell’alter ego di Armistice di seguire Maeve e compagnia lascia uno spiraglio aperto.
E quindi, Maeve riesce finalmente a riconciliarsi con sua figlia. Tutti felici e contenti, titoli di coda.
E invece no!
La bambina di Maeve è stata riprogrammata da tempo – da quando è diventata la matrona di Sweetwater – per avere un’altra madre. E infatti eccola lì, che si staglia contro l’orizzonte: la nuova Maeve in carne, ossa e stupore. Ma non c’è tempo per sgranare gli occhi, la Nazione Fantasma sta arrivando.
Maeve scappa con la bambina, ma gli indiani non sembrano intenzionati a fare loro del male. L’arrivo di Hector e Armistice mette in fuga la presunta minaccia, mentre Sizemore usa la trasmittente trovata nella scorsa puntata per chiamare aiuto.
Il comportamento degli indiani continua a farmi pensare a un possibile coinvolgimento di Elsie e Bernard nella vicenda.

05

ELSIE E BERNARD

E’ questo il presente? O il futuro? Il boato che Elsie sente è effettivamente causato dall’arrivo del treno o si tratta di una trappola degli sceneggiatori?
Non so davvero dove collocare la storyline di Elsie e Bernard, a intuito direi che avviene in contemporanea con gli avvenimenti che leggete al paragrafo riguardante la Delos, ma varie teorie in rete fanno pensare che ciò avvenga in un lasso di tempo indefinito tra la morte di Ford e l’inizio della seconda stagione. Sta di fatto che saranno loro due a distruggere La Culla – contenitore dei backup di tutti gli Host – proprio per sopravvivere alla scoperta più sconvolgente dell’episodio: il centro di controllo creato da Bernard contiene la coscienza di Ford, la quale è stata impiantata all’interno della Culla.

westworld 2x06 recensione

Follow us:

Sguido