20 minuti a episodio: le 10 serie tv più divertenti

Una lista di 10 serie tv comedy per gli amanti della risata e del tipico humor americano, in soli 20 minuti di episodio.

Perché dedicarsi a questo genere di serie tv? Perché l’ha detto Einstein. Il tempo è relativo, e la dimostrazione più lampante è questa: a guardare due episodi da 20 minuti si fa molto più in fretta che a guardare un solo episodio da 40 minuti. Provare per credere. E se poi si tratta di 20 minuti di risate, allora il tempo sì che volerà.

Per coloro i quali, sopraffatti dalla vita quotidiana, non hanno tanto tempo da dedicare alle serie tv e cercano una via di fuga dalla noiosa routine, ecco a voi le 10 serie tv comedy più divertenti di sempre.

HOW I MET YOUR MOTHER

Genere. Comedy, drama, romance.

Stagioni ed episodi. 9 stagioni, 208 episodi.

Disponibile su: Netflix, Amazon Prime Video.

Stato. Terminata.

Cast. Josh Radnow, Jason Segel, Cobie Smulders, Neil Patrick Harris, Alyson Hannigan, Cristin Milioti.

Trama. Raccontata in prima persona dal protagonista, ormai padre di due ragazzi adolescenti, Ted Mosby, How I met your mother narra in flashback la storia di un giovane architetto alla perenne ricerca dell’anima gemella (che arriverà soltanto alla fine) e del suo gruppo di amici, gli inseparabili e tenerissimi Marshall e Lily, il folle donnaiolo Barney e l’amica-sempre-qualcosa-di-più-che-un’amica Robin.

01

How I met your mother è una di quelle serie tv che tutti dovrebbero aver visto almeno una volta nella vita. Umoristicamente geniale, riesce a far ridere dalla prima all’ultima puntata, senza assolutamente perdere colpi – anzi, forse addirittura migliora di stagione in stagione. E non mancano i momenti di puro trasporto emotivo, che vi faranno letteralmente piangere davanti allo schermo.

Risultati immagini per how i met your mother marshall's dad death

La bellezza di questa serie sta nelle continue e divertentissime battute, nelle situazioni assurde ed esilaranti e nella splendida caratterizzazione di ogni personaggio, in particolare dei protagonisti, che è davvero difficile non amare. È inoltre una serie in cui non viene mai perso neppure un dettaglio di quello che è successo nelle stagioni precedenti, per cui tutto risulta sempre quadrare alla perfezione. Un esempio, fra tutti, gli indizi che emergono, nel corso dei quasi dieci anni in cui si sviluppa la serie, riguardo a quella che soltanto nell’ultima stagione scopriremo essere la futura mamma dei figli di Ted.

Insomma, lasciando perdere la categoria comedy, questa è davvero una delle serie tv migliori mai realizzate, una delle più complete, sotto ogni aspetto, una di quelle prodotte e recitate meglio in assoluto. Una serie davvero…

Risultati immagini per how i met your mother legendary gif

THE BIG BANG THEORY

Genere. Sitcom.

Stagioni ed episodi. 11 stagioni, 279 episodi.

Disponibile su: siti streaming.

Stato. Terminata.

Cast. Johnny Galecki, Jim Parsons, Kaley Cuoco, Simon Helberg, Kunal Nayyar, Melissa Rauch, Mayim Bialik.

Trama. Gli ingredienti sono quattro amici totalmente nerd – Sheldon il fisico teorico, Leonard il fisico sperimentale, Raj l’astrofisico e Howard l’ingegnere – e una giovane aspirante attrice, Penny, appena arrivata a Pasadena, California, dal Nebraska. Per cominciare, si mischiano queste cinque e totalmente assurde personalità, davvero una più stramba dell’altra – l’apice viene raggiunto con Sheldon Cooper, personaggio iconico del nuovo millennio -, con un tocco di romance fra due dei personaggi, Penny e Leonard. Si aggiungono poi una microbiologa, Bernadette, e una neurobiologa, Amy, ancora un po’ di romance e, soprattutto, ancora un po’ di stramberia. Un pizzico di fisica, qualche fumetto, una spolverata ancora di assurdo, una bella manciata di sarcasmo.

81ksNXITStL._SL1500_

Ed ecco ottenuta una delle serie tv più famose e viste di sempre. E, per quanto mi riguarda, un’altra spunta nella lista delle serie assolutamente da guardare.

La particolarità di The big bang theory è che riesce a mantenere sempre e comunque un livello altissimo di comicità, espressa nelle più svariate forme dai più svariati personaggi. La serietà non fa parte di questa serie – perdonate il gioco di parole -, soprattutto se ogni momento serio viene ridicolizzato dall’inconsapevole umorismo di un personaggio il cui autismo è evidente, ma mai trattato con gravità e brillantemente celato dall’ironia, che la fa da padrona.

Risultati immagini per the big bang theory my mother had me tested

The big bang theory è una di quelle serie che, anche se le si sta vedendo per la quinta volta, fanno sempre ridere. Una di quelle serie in cui le battute si inseguono, una dietro l’altra, e viene proprio da chiederselo, a un certo punto, pensando agli ideatori dei dialoghi: ma come gli vengono in mente certe cose?

Tra la fumetteria e il Cheesecake Factory, Stephen Hawking e Leonard Nimoy, supereroi e Dungeons&Dragons, amore e, soprattutto, grande amicizia, The big bang theory vi entrerà nel cuore, così come i suoi meravigliosamente folli e follemente meravigliosi protagonisti. E se siete nerd come me, comincerete persino a bussare tre volte!

Risultati immagini per the big bang theory knock gif

SCRUBS

Genere. Comedy, medical.

Stagioni ed episodi. 8+1 stagioni, 182 episodi.

Disponibile su: Amazon Prime Video.

Stato. Terminata.

Trama. Raccontata in prima persona dal protagonista J.D., Scrubs narra delle vicende dello staff di specializzandi, medici, infermiere e “inserviente” – conosciuto solo con questo appellativo per tutte e nove le stagioni – dell’Ospedale Sacro Cuore.

whatsapp-image-2018-07-23-at-11-48-48

Inutile dire che anche qui protagonista assoluto è l’assurdo comico, di cui gli americani sembrano ormai essere i maestri, almeno a livello cinematografico. Scandita da ritmi brillanti, Scrubs alterna scene davvero esilaranti – tra cui, prime fra tutte, i sogni ad occhi aperti di J.D. – a momenti di una profondità e di una tristezza che probabilmente solo dentro ad un ospedale si possono vivere.

Scrubs è davvero il perfetto connubio tra comedy e medical, e tutti coloro che apprezzano entrambi i generi li troveranno magnificamente espressi in un solo pacchetto. Davvero apprezzata, mi dicono, sarà anche dagli studenti di medicina, per il livello di realismo e di franchezza nella rappresentazione della vita ospedaliera.

Costante assoluta della serie è il rapporto tra il protagonista J.D. e il migliore amico – praticamente fratello – Turk, altrimenti detti Coso & Orso Bruno, una meravigliosa amicizia che supera qualsiasi altra loro relazione.

15 gif di Scrubs che vorremmo usare nella vita quotidiana - Wired

Per non parlare dell’onnipresente dottor Cox, personaggio più amato della serie, soprattutto grazie al suo imprescindibile cinismo nei confronti di qualsiasi aspetto della vita, al suo squisito sarcasmo verso chiunque lo circondi e la sua incredibile inventiva nel trovare sempre nuovi modi per distruggere l’autostima di J.D… e sempre nuovi nomi da donna con cui appellarlo.

Insomma, un classico delle serie tv dei primi anni del nuovo millennio, da vedere dall’inizio alla fine… o quasi. Le opinioni dei fan della serie, infatti, si dividono rispetto alla nona e ultima stagione, Scrubs: Med School, sia a causa della conclusione pressoché perfetta dell’ottava stagione, sia per il poco rilievo dato, nella nona stagione, ad alcuni dei protagonisti storici della serie, per dare spazio ai nuovi specializzandi del Sacro Cuore – addirittura si ha una nuova voce narrante, Lucy, e non più quella di J.D. Cosa fare con questa stagione? A voi l’ardua decisione.

COMMUNITY

Genere. Comedy.

Stagioni ed episodi. 6 stagioni, 110 episodi.

Disponibile su: Netflix, Amazon Prime Video.

Stato. Terminata.

Cast. Joel McHale, Gillian Jacobs, Danny Pudi, Alison Brie, Donald Glover, Yvette Nicole Brown, Chevy Chase, Ken Jeong, Jim Rash.

Trama. Dopo essere stato beccato con una laurea fasulla, l’avvocato Jeff Winger è costretto a tornare al college, dove incontra Britta Perry, un’ex attivista politica: con l’unico scopo di portarsela a letto, tenta di conoscerla meglio invitandola al proprio gruppo di studio di spagnolo, che tuttavia vedrà la partecipazione, per passaparola, di altri cinque studenti del Community College. Il gruppo di studio creato appositamente per flirtare con Britta, a questo punto, diventa un reale gruppo di studio, composto dai più diversi – sia per personalità, che per età – e strambi elementi, che contro ogni aspettativa coltiveranno un’amicizia sincera, diventando i protagonisti assoluti degli assurdi eventi che scuoteranno il Community College.

whatsapp-image-2018-07-23-at-12-15-13

Community è una serie purtroppo non così conosciuta come dovrebbe essere, visti anche i numerosi giudizi positivi che ha ricevuto dalla critica, che la premia addirittura con due candidature agli Emmy, di cui una vinta, per due episodi della seconda e della terza stagione. Insomma, una serie tv che ha un’ottima realizzazione e un buon livello di comicità, che non ha nulla da invidiare alle sue compagne.

Risultati immagini per community gif

Cosa è andato storto, cosa ha fatto sì che Community si fermasse alla sesta stagione? Certo, come molte altre serie, le prime stagioni sono molto più belle delle ultime, ma questo non spiega addirittura la cancellazione dopo la quinta stagione – che, fortunatamente, non è stata l’ultima, dato il salvataggio in corner da parte di un altro network e il rinnovamento per una sesta stagione. La realtà, purtroppo, è che molte belle serie tv vengono abbandonate, a causa della scarsa pubblicità fatta sul web, e questo mi sembra l’unico motivo per cui una serie come Community sia dovuta finire così presto e, soprattutto, sia così poco conosciuta.

Si merita sicuramente una possibilità. È divertente, ironica, a tratti davvero esilarante, molto particolare e unica sia per la trama, che per i personaggi. Un minestrone di stranezze, sostanzialmente, che riescono ad amalgamarsi tuttavia così bene da far sembrare completamente normale una serie tv che, di normale, non ha davvero niente!

THE GOOD PLACE

Genere. Comedy, fantastico.

Stagioni ed episodi. 4 stagioni, 53 episodi (2016-2020).

Disponibile su: Netflix.

Stato. Terminata.

Cast. Kristen Bell, Ted Danson, William J. Harper, Jameela Jamil, D’Arcy Carden, Manny Jacinto, Marc Evan Jackson, Maya Rudolph.

Trama. Eleanor Shellstrop si sveglia nell’aldilà e scopre che Paradiso e Inferno esistono davvero… O meglio, esiste il Good Place e il Bad Place, il posto dei buoni e il posto dei cattivi, che assomigliano solo in parte a quello che le nostre religioni hanno immaginato. Il Good Place è un’utopia altamente selettiva, suddivisa in Quartieri progettati e costruiti da un Architetto: il Quartiere a cui è stata assegnata Eleanor è gestito da Michael e la sua permanenza qui è il premio per aver condotto una vita giusta e degna di merito. C’è solo un piccolo problema: Eleanor, da viva, era una persona orribile, ed evidentemente è stato commesso un errore nella selezione. Per non essere costretta a lasciare il paradisiaco Good Place, Eleanor farà squadra con l’anima gemella che le è stata assegnata, un ex professore di filosofia morale, per imparare a essere una brava persona, cercando di nascondere i suoi comportamenti evidentemente imperfetti.

The Good Place è una serie brillante. È comica in modo raffinato e intelligente, è ben strutturata sulla base di un intreccio narrativo unico nel suo genere e decisamente interessante, è eseguita magistralmente e recitata anche meglio. E, come se non bastasse, è al contempo maledettamente seria: facendoti sorridere, ti sbatte in faccia dilemmi etici e morali che vengono realmente affrontati nelle facoltà di filosofia, ti mette davanti a uno specchio e fa sì che tu ti ponga la domanda “Io cosa farei se fossi al suo posto?” Parla della vita e della morte, di cosa è giusto, di cosa è sbagliato e del perché pensiamo che una cosa sia giusta o sbagliata. E fa tutto questo con una leggerezza e una eleganza che raramente possiamo trovare nelle serie tv di ultima generazione.

Welcome! Everything is Great!

I personaggi sono tutti caratterizzati in modo perfetto, tanto da farci affezionare a ognuno di loro, persino a quelli che dovrebbero essere i “cattivi”. E sono tutti contraddistinti da una profondità e uno humor veramente unici e travolgenti. Inoltre, non mancano i colpi di scena, che donano alla serie un ritmo incalzante e un alone di mistero tale da tenerci sempre sulle spine: perché le cose potrebbero non essere come sembrano.

Insomma, The Good Place è una delle serie più belle e complete mai create, e ingiustamente poco conosciuta: fidatevi, quando vi dico che non vi pentirete di averla recuperata.

BABY DADDY

Genere. Comedy, romance.

Stagioni ed episodi. 6 stagioni, 100 episodi.

Disponibile su: siti streaming.

Stato. Terminata.

Cast. Jean-Luc Bilodeau, Tahj Mowry, Derek Theler, Melissa Peterman, Chelsea Kane.

Trama. Ben, un barista ventenne, si ritrova improvvisamente padre quando una sua ex gli lascia la loro figlia appena nata davanti alla porta di casa. Dopo aver passato del tempo con la bambina, Ben deciderà di tenerla con sé e crescerla, con l’aiuto del fratello Danny, degli amici Tucker e Riley e della madre Bonnie.

Altra serie ingiustamente cancellata, a cui sono tuttavia riusciti almeno a dare una parvenza di finale, Baby daddy non ottiene la risonanza che si merita dato il suo potenziale. Una serie fresca e divertente, un umorismo moderno – l’ultima stagione è stata distribuita nel 2017 -, dei protagonisti giovani e brillanti, compresa la madre Bonnie, che riesce ad essere il personaggio più giovanile e divertente di tutti.

Risultati immagini per baby daddy bonnie gif

La comicità si intreccia con il romance, soprattutto nel triangolo fra i protagonisti Ben, Riley e Danny, che però non risulta mai banale – nessuna storia in stile Edward&Bella&Jacob all’orizzonte, per intenderci. Accanto a loro, il rapporto fra il migliore amico di Ben, Tucker, e Bonnie è inaspettatamente e sorprendentemente esilarante, con una chimica fra i due attori che nessuno si aspetterebbe e che funziona alla perfezione.

Se avete bisogno di novità nel panorama del comedy, questa serie fa decisamente per voi.

BROOKLYN NINE-NINE

Genere. Comedy, poliziesco.

Stagioni ed episodi. 7 stagioni, 143 episodi.

Disponibile su: Netflix.

Stato. Ancora in produzione.

Cast. Andy Samberg, Stephanie Beatriz, Terry Crews, Melissa Fumero, Joe Lo Truglio, Chelsea Peretti, Andre Braugher, Dirk Blocker, Joel McKinnon Miller.

Trama. Jake Peralta, un giovane e brillante detective della polizia di New York, tuttavia poco incline a rispettare le regole, è alle prese con diversi casi polizieschi sotto la guida del nuovo e severo Capitano Holt. Fanno parte della squadra del dipartimento 99 anche i detective Amy Santiago, Rosa Diaz, Charles Boyle, il sergente Terry Jeffords, la segretaria del Capitano Gina Linetti (amica di infanzia di Peralta) e i due (quasi sempre inutili) detective Scully e Hitchcock.

Non c’è molto da dire su Brooklin Nine-Nine, se non che è letteralmente una delle serie tv più esilaranti mai prodotte, alla pari di How I met your mother The Office. Purtroppo perde tantissimo nella traduzione in italiano, quindi consiglio a chi se la senta di godersela in lingua originale (con o senza sottotitoli, se potete): espressioni come noice oppure cool-cool-cool-cool-cool entreranno a far parte del vostro parlato senza nemmeno che ve ne accorgiate. Un po’ come knock-knock-knock-Penny.

Il poliziesco è un elemento importante della serie tv, anche se passa decisamente in secondo piano di fronte alla comicità delle vicende: in sostanza, potrebbero anche non esserci indagini, basta che ci siano i personaggi e che facciano cose. Statene pur certi, faranno ridere sempre e comunque: tutti diversissimi, tutti estremamente comici, alcuni decisamente iconici, come il Capitano Holt, dall’emotività tutt’altro che prorompente.

Noice GIF by Fitz | Gfycat

La serie tv era stata drammaticamente cancellata senza alcun motivo, ma la numerosa popolazione di fan è insorta e ha fatto sì che la produzione venisse recuperata da un diverso network: fra gli appassionati, anche tanti personaggi famosi che giustamente hanno ritenuto un crimine cancellare una serie come questa. Fra i vip, Lin-Manuel Miranda, che si è schierato a gran voce a favore della serie, tanto da ottenere una piccola parte in un episodio nei panni del fratello di Amy Santiago.

Ci sentiamo in dovere di affiancare il signor Miranda nella sua celebrazione di Brooklyn Nine-Nine: una serie fantastica, con un solo difetto, quello di finire prima ancora che possiate rendervene conto. Una serie decisamente da vedere, e sono sicura che diventerà una delle vostre preferite (com’è delle mie).

THE OFFICE

Genere. Commedia, falso documentario.

Stagioni ed episodi. 9 stagioni, 201 episodi.

Disponibile su: Amazon Prime Video.

Stato. Terminata.

Cast. Steve Carrell, John Krasinski, Jenna Fisher, Rainn Wilson, B.J. Novak, Ed Helms, Brian Baumgartner, Leslie David Baker, Kate Flannery, Angela Kinsey, Oscar Nuñez, Phyllis Smith, Mindy Kaling, Paul Lieberstein, Creed Bratton, Craig Robinson, Ellie Kemper.

Trama. Anch’essa realizzata con la tecnica del falso documentario, con i benefici del genere, The Office racconta le vicende di un gruppo di colleghi che lavorano in una filiale della Dunder Mifflin, azienda che si occupa della distribuzione di carta.

The Office, a detta di molti, è la serie tv comedy americana più divertente di sempre. Questo dovrebbe darvi l’idea di quanto meriti di essere vista, anche se alla fine non le assegnerete la medaglia d’oro sul vostro podio della risata.

Inutile dire che persino chi non ha mai visto questa serie, ormai ha una certa familiarità con alcuni dei suoi personaggi e molte delle scene più famose, che sono persino diventate esilaranti meme.

Parkour! | Know Your Meme

Ci troviamo davanti a un vero trionfo dell’assurdo, inserito nel contesto più banale e noioso che esista, rappresentato dall’ufficio, in cui la comicità spontanea e brillante la fa da padrona, soprattutto grazie allo spettacolare senso di humor del cast, che spesso si trova a improvvisare.

Come sempre non mancano i momenti di riflessione, soprattutto rispetto alla vita lavorativa di molti, così come quella sentimentale, ma ciò per cui vale davvero la pena vedere questa serie è lo straordinario livello umoristico, incarnato alla perfezione dai personaggi più paradossali ed esilaranti. Dovrete superare i primi tentennanti episodi, perché ne varrà la pena: e, soprattutto, dovrete sopportare il boss più snervante e indisponente del mondo, per un bel po’, perché Steve Carrell se lo merita e perché il regalo finale sarà una serie tv che vi entrerà nel cuore.

Forse vi sarete annoiati di sentirvelo dire, ma anche The Office rientra a diritto nella lista delle comedy americane da vedere assolutamente almeno una volta nella vita. Fatelo per voi stessi, fatelo per trovare qualcosa di meraviglioso nelle cose più ordinarie, fatelo per la coppia più bella del mondo (Jim e Pam… o Jim e Dwight?) e fatelo per il finale di una serie tv più spettacolare, meraviglioso, devastante e commovente che avrete il piacere di guardare.

FLEABAG

Genere. Commedia drammatica.

Stagioni ed episodi. 2 stagioni, 12 episodi.

Disponibile su: Amazon Prime Video.

Stato. Terminata.

Cast. Phoebe Waller-Bridge, Olivia Colman, Andrew Scott, Sian Clifford, Bill Paterson.

Trama. La protagonista è Fleabag, giovane donna londinese, che ricorre al sesso per rimediare al dolore causatole dalla sua famiglia disfunzionale, a cui ha da poco aggiunto la perdita della sua migliore amica Boo, con la quale aveva aperto un bar. La serie ruota attorno alla folle e instabile vita di questa donna davvero unica, fra relazioni disastrose, scontri con la matrigna e amori davvero sfortunati.

Non c’è molto da dire, se non che Fleabag è una delle serie più geniali mai create nella storia dell’uomo. La prima stagione è un adattamento dell’omonimo spettacolo teatrale di Phoebe Waller-Bridge, non solo autrice, ma anche protagonista: qualcuno di voi forse la conosce già quale sceneggiatrice di un’altra serie di successo, Killing Eve. La particolarità di questa serie si nota fin dalla prima puntata: la protagonista, infatti – di cui fra l’altro non sappiamo mai il nome, perché non viene mai pronunciato da nessuno dei personaggi nel corso della serie -, racconta la sua storia rompendo la quarta parete e commentando gli avvenimenti, attraverso occhiate, smorfie e battute, direttamente con il pubblico, cioè con noi.

Season 2 Episode 6 GIF by Fleabag - Find & Share on GIPHY

È stato proprio questo legame a dare, in seguito, la brillante idea alla Waller-Bridge, riguardo alla seconda stagione: sì, perché gli avvenimenti dello spettacolo teatrale sono coperti interamente dalla prima stagione, che avrebbe dovuto essere autoconclusiva. Ma se qualcuno, a un certo punto, riuscisse a cogliere quel legame che Fleabag ha con il pubblico? Se qualcun altro si accorgesse di quando lei si volta verso di noi, e riuscisse a sentire i suoi commenti, che in teoria nessuno è in grado di percepire? Ecco dunque l’idea all’origine della seconda stagione: una seconda stagione in cui Fleabag, e con lei gran parte del pubblico femminile della serie, si innamora di un prete, un prete che, inspiegabilmente, riesce a cogliere quei momenti in cui Fleabag si allontana dalla sua realtà televisiva per entrare nella nostra. E se la prima stagione merita di essere vista per la sua particolarità, questa non è che l’anticamera di quello che è la seconda stagione, un gioiello che non ha pari, il vero capolavoro della Waller-Bridge.

FRIENDS

Genere. Sitcom.

Stagioni ed episodi. 10 stagioni, 236 episodi.

Disponibile su: Amazon Prime Video.

Stato. Terminata.

Cast. Jennifer Aniston, Courteney Cox, Lisa Kudrow, Matt LeBlanc, Matthew Perry, David Schwimmer.

Trama. Chiarissimo già dal titolo, Friends racconta le vicende di Rachel, Monica, Ross, Chandler, Joey e Phoebe, un gruppo di amici – e spesso più che amici – di New York, le cui vicende si dividono principalmente fra i loro appartamenti e la caffetteria Central Perk.

Iconico è la parola giusta per descrivere questa serie, perché Friends è la sitcom comedy per eccellenza. Una delle serie più famose e viste a livello mondiale, è così classica da entrare nella lista delle serie preferite – a prescindere dal genere – di moltissime persone.

E, bisogna ammetterlo, è la serie tv simbolo degli anni ‘90: dopo di lei, tutto quello che il genere comedy ha prodotto ha dovuto fare i conti con Friends, con la sua struttura, i suoi ritmi, i suoi tempi comici, le sue relazioni fra i diversi personaggi. È un po’ la madre di gran parte delle serie tv che sono state ideate negli anni seguenti, prima fra tutte How I met your mother: la sottoscritta prova una profonda venerazione nei confronti di quest’ultima serie, e per di più la ritiene più divertente della propria progenitrice, ma non può negare che lo schema è esattamente identico. E lo stesso vale per tutte le altre serie tv che hanno avuto come protagonista l’amicizia fra un gruppo strampalato di personaggi peculiari.

Immagine correlata

Friends non solo è caldamente consigliata agli amanti del genere comedy, ma è anche fra le serie tv che tutti dovremmo aver visto. Ci mette un po’ ad ingranare, vista anche l’assoluta novità del format della serie, che non poteva ispirarsi a nulla di simile venuto prima, ma alla fine risulta decisamente una di quelle serie tv che non passeranno mai di moda.

Follow us:

Cecilia