Visioni Fantastiche 2019: a Ravenna nasce il festival di cinema che pensa ai più giovani

Lo scorso 3 aprile si è tenuta a Ravenna la Conferenza Stampa di Visioni Fantastiche, festival di cinema in programma nel capoluogo romagnolo per l’autunno prossimo. Noi Intoccabili siamo stati invitati, e oggi vi raccontiamo questa novità tutta italiana.

È un sollievo, nella mattina di un giorno feriale come il mercoledì, ancora ben lontano dal weekend, sapere che c’è qualcuno che cerca di seminare un tracciato fertile per il cinema italiano di domani piuttosto che marcire nella sterile lamentazione funebre di gran parte di quello presente. Il 3 aprile scorso si è infatti tenuta, nella prestigiosa cornice dei Chiostri Francescani di Ravenna, la conferenza stampa di Visioni Fantastiche, novità assoluta della stagione 2019-2020 firmata dall’amministrazione provinciale del capoluogo romagnolo. E noi Intoccabili siamo andati a sentire quello che avevano da dirci.

Senza titolo-8

Visioni Fantastiche è il primo Festival di Cinema interamente dedicato all’educazione attiva dei più giovani alla cultura del grande schermo. Compreso all’interno del Piano Nazionale Cinema per la Scuola promosso da MIUR e MIBAC, il progetto nasce volendo porsi quale polo di attrazione di energie intellettuali e creative per gli studenti della scuola dell’obbligo e oltre. Articolandosi in un Concorso Internazionale corto- e lungometraggi, da un lato, e in un ciclo di seminari, laboratori, e workshop dall’altro, il festival vuole inserirsi nel Piano Offerta Formativa quale importante strumento di alfabetizzazione iconica: capire quello che si vede per saperlo equamente valutare e a propria volte produrre.

La formazione estetica degli studenti al gusto del bello cinematografico: questa è, secondo Agostina Melucci – Provveditore agli Studi di Ravenna – la missione di Visioni Fantastiche. L’arte su pellicola amplifica infatti – al pari di ogni altra – la capacità di elaborazione emotiva dell’osservatore. Educare al gusto del bello è allora, sottolinea ancora Melucci, la strada maestra per formare individui adulti maturi, responsabili, umani, che sappiano operare una scelta ragionata e una fruizione consapevole e progettuale nei riguardi del prodotto artistico.

La passione, quando si tratta di cinema, è tutto anche per Maria Martinelli, Responsabile Comunicazione Start Cinema, società cooperativa di produzione e distribuzione cinematografica, già organizzatrice dello storico Ravenna Nightmare Film Festival, che quest’anno toccherà la XVII edizione. Martinelli sottolinea infatti come il progetto abbia preso le mosse dal fare, dal mettere le mani in pasta in prima persona; e, una volta acquisite competenze, rimane fondamentale tramandarle alle nuove generazioni, così da creare un circolo virtuoso che sappia autosostenersi e autoalimentarsi nel tempo. In quest’ottica, assicura, sono stati presi tutti gli accorgimenti del caso per far sì che Visioni Fantastiche sia un festival a misura di scuola, e che delle esigenze di alunni e insegnanti tenga conto a 360 gradi. Proprio per questo la partecipazione sarà aperta non solo agli istituti cittadini, ma anche a tutto il territorio forese.

Senza titolo-10

La programmazione – come spiega il direttore artistico Franco Calandrini – sarà suddivisa in sezioni: alcune comprenderanno fasce d’età progressivamente più avanzata, altre saranno dedicate al cinema a tutto tondo, comunque conservando un occhio di riguardo per le tematiche care all’infanzia e all’adolescenza. Le prime – le sezioni di concorso, dove i ragazzi saranno chiamati a essere membri della giuria giudicante – si dividono in 6+, 9+, 12+, 16+, e 18+. Per le restanti, troviamo le categorie Special Selection (dedicata alle ospitate straniere, per esempio quelle contenute nella sezione giovanile Kinder Kino del rinomato festival tedesco di Oberhausen), Anteprime Fantastiche (proiezioni di selezionati film internazionali in anteprima nazionale), e Omaggio ai Maestri (antologico-retrospettiva, dedicata ai grandi protagonisti del cinema contemporaneo). Non mancherà poi la possibilità di incontrare rispettate personalità del mondo del cinema; ma vi aggiorneremo in futuro sulla lista degli – strepitosi, ne siamo sicuri – invitati.

Senza titolo-9

Ulteriore ghiotta opportunità sarà poi quella rivolta tanto agli studenti delle scuole superiori – apertura di programmi di Alternanza scuola-lavoro – che agli universitari (attivazione di dedicati stage curricolari) dell’Alma Mater Studiorum – Università di Bologna. Saranno proprio queste attività collaterali, specifica Paola Di Natale, responsabile dell’organizzazione di laboratori e masterclass, che riusciranno a mostrare tutto il potenziale del festival. Dalle formative alle ricreative, tutte le iniziative avverranno all’insegna dell’interdisciplinarietà, nella convinzione che solo da una convergenza di competenze possano nascere vere e forti Visioni.

Visioni Fantastiche si terrà dal 21 al 29 ottobre 2019 presso il Palazzo del Cinema e dei Congressi di Ravenna. Il festival sarà subito continuato dall’edizione 2019 del Ravenna Nightmare Film Festival, in onda dal 30 ottobre al 3 novembre prossimi. Le anteprime di entrambe le iniziative sono programmate per il 5 ottobre.

Ve l’avevamo già detto per la scorsa edizione del Nightmare: questo staff ci sa fare. E noi siamo ansiosi di potervi far sapere di più in tempo reale. Anche se per questo dovremo aspettare anche noi l’autunno prossimo. Nell’attesa, assicuratevi di avere le cinture di sicurezza ben avvolte attorno a voi: sarà un decollo che non dimenticherete.

Per aprire il sito di Visioni Fantastiche, clicca qui.

Enjoy!

Follow us:

-ET