I fratelli Sisters: un Western così non l’avevate mai visto

I fratelli Sisters è l’ultimo film di Jacques Audiard, vincitore del Leone d’Argento per la miglior regia all’ultima mostra di Venezia. La trama racconta le vicende di Eli e Charlie Sisters, pistoleri dell’Ottocento americano. Nel cast John C. Reilly, Jake Gyllenhaal, e Joaquin Phoenix. Ecco la nostra recensione.

Vi siete mai chiesti come gli spietati pistoleri del Far West americano dell’Ottocento si spazzolassero i denti? No? Be’, forse non è colpa vostra. È che nessuno ve lo ha mai fatto vedere (e ricordatevi che il dentifricio era una strana polverina blu frizzante, all’epoca).

Senza titolo-9
John C. Reilly è Eli Sisters

Se decidete di andare a vedere I fratelli Sisters, invece, dovrete lasciarvi dietro ogni pregiudizio sul Western che vi siete costruiti in anni di Sergio Leone e John Wayne. Perché l’ultimo film di Jacques Audiard, prodotto dai Dardenne e premiato per la miglior regia allo scorso festival di Venezia, è una rivoluzione. La storia, adattamento del libro di Patrick deWitt, Arrivano i Sisters, è quella degli eponimi “Sisters brothers”, sicari prezzolati che, nell’Oregon del 1851, lavorano al servizio di un potente notabile locale, detto Il Commodoro, che li usa per sbarazzarsi di coloro i quali, a suo avviso, occludono i suoi interessi. I Sisters sono conosciuti nell’ambiente, la loro fama li precede. Abilissimi tiratori, praticamente invincibili negli scontri a fuoco, la loro accoppiata ricorda di lontano lo straordinario duo George Milton-Lenny Small che Steinbeck mise in piedi per il suo Uomini e topi.

Charlie, infatti, il fratello minore, ha un temperamento focoso, a tratti incontrollabile: ama le sbronze, le donne, e “uccidere qualcuno in santa pace”. Mentre navigano nelle distese naturali della vergine costa Ovest statunitense, è lui quello che sempre cavalca per primo. Eli invece, il maggiore dei due, è più mite e prudente; la notte, per addormentarsi, ripiega con cura un fazzoletto rosso intriso di profumo femminile, regalo di arrivederci di una maestra di scuola di cui, chiaramente, egli è innamorato.

o
Joaquin Phoenix è Charlie Sisters

Le loro vicende alla ricerca di Hermann Kermit Warm, uomo che hanno il compito di eliminare, li porteranno a incontrare cercatori d’oro, dubbie locandiere, e una consistente dose di piombo e whisky, in un percorso che, oltre che un’avventura, sarà soprattutto una maturazione personale di tutti i personaggi coinvolti.

Senza titolo-10
Jake Gyllenhaal è mio marito

Quale miglior modo che perdersi nella sconfinata natura americana per ritrovare sé stessi, colloquiando sinceramente con quella parte di noi che teniamo troppo soventemente repressa nella vita quotidiana? Nessuno, sembra dirci il regista. Audiard ha imparato magistralmente la lezione dei grandi del genere (qualche citazione, qua e là, la troverete), ma il suo maggior merito sta nell’avere anche saputo trovare la sua personale lingua per raccontare una storia ad altissimo tasso emotivo. Non vedrete, ad esempio, zoom a schiaffo, o le iconiche inquadrature sugli occhi, marchio di fabbrica di Sergio Leone. Però incontrerete pistole che schioccano a decibel mai uditi, sparatorie adrenaliniche e, soprattutto, un’intelligente gestione dell’illuminazione sia naturale che artificiale.

Senza titolo-8

I costumi di Milena Canonero e un ottimo, e stellare, cast (John C. Reilly, Joaquin Phoenix, e Jake Gyllenhaal, solo per dirne alcuni) contribuiscono a impreziosire ancora di più quello che è un vero e proprio Western umanistico, dove ogni dettaglio, ogni avvenimento ci parla anzitutto dei personaggi e di quanto giace alle loro spalle; dove ci si confronta non solo con le armi, ma anche con le parole. Perché alla fine, quando ci si corica all’addiaccio, vicino a un fuoco, nient’altro conta più di un letto che si possa chiamare casa.

Portate pure al cinema dunque i vostri amici più scettici, o quelli che non sanno nemmeno dove stia Sweetwater. Quelli che stanno su Netflix tutto il giorno ma che si sono categoricamente rifiutati di guardare La ballata di Buster Scruggs. Vi assicuro, non avranno di che lamentarsi. Perché I fratelli Sisters è il Western che tutti vorrebbero vedere; ma che nessuno aveva ancora avuto il coraggio di realizzare.

Enjoy!

Follow us:

ET