The Arcadian vi spiega le paure del nostro secolo

The Arcadian, film di Dekker Dreyer presentato alla XV edizione del Ravenna Nightmare Film Fest, è ora disponibile online su CINEMAF. La trama segue le vicende di un guerriero solitario in un futuro post-apocalittico. Nel cast anche J. La Rose e Brian Thompson. Ecco la nostra recensione!

È notte, sulla Terra, anche in pieno giorno. La luce non filtra attraverso le inquadrature, perennemente ostacolata da una barriera di terra rossastra. Inquietanti individui si aggirano nei selvaggi “Territori del Nord” indossando maschere di mostri e dragoni. Le città sono in preda a clan dediti al commercio di schiavi. Ogni cosa bella e pura è stata smaterializzata e trasferita in un iperuranio sicuro e pacifico. In questo scenario post-apocalittico, una donna e un ex-guerriero, il Guardiano del Faro, si uniranno in cerca di vendetta: lei, per il marito rapito, e lui, per regolare i conti con un antico nemico.

1
Il regista Dekker Dreyer

La visione che Dekker Dreyer, regista di The Arcadian, riserva alla sorti del genere umano, non potrebbe essere più cupa. Il suo Far West di anime ed estetica retro preannuncia un (futuristico) futuro tribale dove la tecnica non sarà riuscita a salvare l’uomo dal lato più oscuro di se stesso: in altre parole, si sta discutendo del presente, non di oscure prefigurazioni di tempi a venire.

Ciò che traspare oltre la struttura oppositiva tradizionale di città e natura, malvagi e meritevoli, lealtà e tradimento, è infatti un deserto interiore, dove la stessa definizione di “legame” è messa in discussione. Allo stesso tempo, il film sembra criticare acutamente l’odierna società capitalistica con la sua digital divide non più anagrafica ma di classe: chi può permetterselo, userà la tecnica per salvarsi; gli altri, saranno costretti a rifugiarsi in una versione degradata di Darwinismo esistenziale.

3
La locandina del film

Non è facile, scendere a patti con la forte impronta registica che domina The Arcadian. Dreyer crea un mondo narrativo partendo dalle sue basi estetiche, e dimostra grande attenzione tanto nella selezione e montaggio della colonna sonora (tra i brani della quale spicca la dark-synthwave di Perturbator), come nella scelta di quale illuminazione abbinare di volta in volta ai volti del suo cast. Chi di voi apprezza il mondo dei videogiochi rimarrà estasiato dalla virtualità nella quale Dreyer trasfigura i suoi personaggi in carne ed ossa (esattamente l’opposto di quanto successo recentemente nella serie Netflix Love Death + Robots); tutti gli altri, ricaveranno di sicuro pane per i loro denti intellettuali dalla visione di questo film.

The Arcadian (uscito nel 2011) è infatti ora disponibile per voi su CINEMAF grazie alla distribuzione di Start Cinema, nata all’interno del Ravenna Nightmare Film Fest, evento di cui la pellicola in questione incarna l’ideale principale: creare una finestra di dialogo in cui far comparire prodotti che sappiano dare uno sguardo alternativo – e profondo – sulla realtà contemporanea.

Siete ancora in tempo per noleggiare il titolo, per 30 giorni, al costo di 4,99 euro. Dunque andate, e immergetevi in sogni dai quali difficilmente riuscirete a riemergere. Di seguito, tutti i link e dettagli:

CINEMAF –> www.cinemaf.net

RAVENNA NIGHTMARE –> www.ravennanightmare.it

Enjoy!

Follow us:

ET

 

 

Annunci