Con questo articolo diamo il via a una serie che, nel giro di qualche mese, ci porterà ad avere un riassunto completo dell’intera opera magna di Kentaro Miura. Insomma, se le lunghe attese tra un capitolo e l’altro di Berserk vi stanno facendo scordare gli snodi principali della trama, allora siete nel posto giusto. Iniziamo col primo volume!

Copertina del primo volume di Berserk

Capitolo 1: Gatsu arriva nella città di Koca, la quale è oppressa da un malefico Barone che il guerriero stesso sta cercando. Gatsu uccide tutti i subordinati del Barone (i quali stanno torturando un elfo di nome Pak) tenendone in vita uno per avvertire il padrone che il Guerriero Nero è venuto per lui. Il sindaco, che teme rappresaglie da parte del Barone fa arrestare Gatsu. Il Barone decide tuttavia di sterminare tutti gli abitanti e dà fuoco alla città. Gatsu viene liberato dalla sua cella da Pak, affronta il Barone nella sua forma di serpente. Dopo essere riuscito a prevalere grazie alla sua enorme spada Ammazzadraghi, Gatsu cerca di estorcere dal Barone il nascondiglio dei 5 della Mano di Dio, ma accortosi che il suo avversario non ne è a conoscenza lo lascia bruciare.

Capitolo 2: Con Pak che ha preso a seguirlo, Gatsu accetta un passaggio sul carro di un monaco e di sua figlia, sebbene la sua tendenza ad attirare gli Incubus lo spinga inizialmente a rifiutare. Quando, durante la notte, il marchio dietro al suo collo inizia a sanguinare, Gatsu deve fronteggiare l’attacco di un esercito di scheletri tornati in vita, che si conclude con la morte del monaco e della figlia.

Capitolo 3: Giunti in una città dove il Conte fa decapitare una donna con l’accusa di eresia, Gatsu si accorge che si tratta di un Apostolo della Mano di Dio e gli palesa l’intento di ucciderlo. Dopo aver sconfitto alcuni sottoposti del Conte, tra cui il capitano delle guardie Zondark, Gatsu si nasconde con l’aiuto di Vargas, un uomo che desidera vendetta dopo che il Conte lo ha orribilmente mutilato. Vargas mostra a Gatsu il Bejelit che ha sottratto al Conte sette anni prima.

Glossario di Berserk (in aggiornamento)

Barone di Koca: Il Barone di Koca è un Apostolo che terrorizza la città di Koca e la tiene sotto il suo controllo facendosi dare tributi ed esseri umani da divorare in cambio di protezione. Ha la forma di un serpente antropomorfo, con la faccia che sbuca fuori dalla carne del serpente, con tanto di lingua biforcuta. Viene sconfitto da Gatsu e infine torturato per farsi rivelare il nascondiglio della Mano di Dio, informazione di cui il barone non è a conoscenza, trattandosi di un Apostolo minore.

Bejelit: ll Bejelit un ciondolo magico, nonché un essere sovrannaturale, che ha il potere di evocare la Mano di Dio. Ha le fattezze di un uovo, sulla cui superficie spuntano due occhi, un naso e una bocca. Nella storia si fa riferimento a lui come ad un vero e proprio essere vivente, tant’è vero che in più di un’occasione sembra che muova un occhio a fissare uno dei protagonisti.

Conte: Il Conte è un Apostolo sadico con un’ossessione per la caccia agli eretici. Il suo aspetto in forma umana è quello di un uomo di piccola statura, calvo e obeso; nella sua forma mostruosa assomiglia a un lumacone gigante con una bocca gigantesca irta di denti e un volto umano.

Incubus: Un incubus è un piccolo demone tentacolato nato dalla mescolanza di fluidi sessuali e sangue di una persona morta per morte violenta. Escono di notte e succhiano la vita alla loro vittima inducendo degli incubi.

Pak: Un elfo catturato dagli scagnozzi del Barone di Koca. Viene liberato da Gatsu e decide di affiancarlo nel suo viaggio.

Follow us: